Sabato, 2017-09-23, 05.02.09
Benvenuto Ospite

Bruno Aprile

e la

Democrazia Diretta

HOME | Registrazione | Entra | RSS
Ritorna » Articoli » Articoli vari

Usare il cervello (parte terza) - Come è salito Berlusconi al potere?

Tralasciando la cronistoria e gli avvenimenti precedenti alla sua entrata in politica vorrei ribadire ed evidenziare due aspetti:

 

1) La politica dei politici (eletti)

2) Le reazioni della gente (elettori)

 

1) Le forze di opposizione, dopo l'entrata e la salita al potere di Berlusconi con Forza Italia nel 1994, hanno iniziato una campagna informativa sulle attività passate di Berlusconi, ovvero una campagna contro Berlusconi. Fatto sta che Berlusconi è riuscito ad entrare in politica e diventare capo del Governo.

2) La gente ha comunque dato fiducia ed espresso una preferenza al di la di quanto apprendeva sulle attività passate di Berlusconi.

 

Dopo un apparente successo delle opposizioni che salirono poi al potere in luogo di Berlusconi e non aver dimostrato, evidentemente, di aver saputo fare un granché per l'Italia, Berlusconi sale nuovamente al potere nonostante le SOLITE questioni poste in rilievo dalle forze politiche di segno opposto.

 

1) Le forze di opposizione continuavano ad illuminare il popolo su quelle che erano le attività passate del cavaliere ma quest'ultimo acquisiva ancor più consensi.

2) La gente sembrava ignorare tutte le cose che venivano diffuse sul conto di Berlusconi, al contrario le consideravano come lui stesso le descriveva e le considerava perché sempre più persone gli davano fiducia.

 

Berlusconi e l'attuale maggioranza (formata dal suo partito - che è ancora quello più grande) ha poi raccolto l'adesione di altri partiti, creando una coalizione che governa tutt'oggi e che non si è mai sfasciata (nonostante le minacce della Lega Nord).

 

1) Le forze di opposizione continuano a rimarcare le attività passate del cavaliere e ne aggiungono altre che riguardano i suoi gusti sessuali ed i suoi passatempi.

2) La gente sembra in parte indignata, mentre Berlusconi si difende come sempre ritenendosi un martire ed un perseguitato politico, come sempre si è ritenuto.

 

CONCLUSIONI:

Se una strategia usata dalle forze politiche di opposizione, pur nel tentativo in buona fede di illuminare la popolazione sulle scelte politiche che stavano per fare, non ha funzionato... ma ha sortito l'effetto contrario... non è il caso di cambiarla?

In altre parole:

Se evidenziare difetti e fatti personali di una persona contribuisce a dargli più notorietà e potere è il caso di insistere su quella linea? I casi sono due:

 

1) O i politici di opposizione sono cretini, oppure vogliono che Berlusconi mantenga le funzioni che per tre volte ha avuto in Italia.

2) O la gente è cretina, oppure la gente più che la capacità di governare e fare leggi giuste ed eque considera più importante la salvaguardia della vita privata e della libertà della persona e condanna quindi l'attacco alla persona.

Forse per questo motivo molti scelgono inconsapevolmente Berlusconi... perché vedono nell'attacco alla sua persona un attacco alla propria persona.

 

IN ENTRAMBE  I  CASI  E  A  PRESCINDERE  DALLE  RAGIONI  E'  INUTILE  CHE  UNA  MINORANZA - SIA  QUELLA  ALL'INTERNO  DELLA  POLITICA  E  SIA  QUELLA  FRA LA  POPOLAZIONE  -  SI  LAMENTA,  PERCHE'  IN  DEMOCRAZIA  VINCE  LA  MAGGIORANZA.

 

DOMANDA (che già una volta rivolsi al popolo Facebookiano):

 

MA QUANTI REALMENTE HANNO IL  GIUSTO  CONCETTO  DELLA  DEMOCRAZIA?  QUANTI  IN  REALTA'  COMPRENDONO  CHE  LA  DEMOCRAZIA  NON  E'  DELEGA  DEI  CITTADINI  A  POCHE  PERSONE?




Source: http://brunoaprile.ucoz.com/publ/0-0-0-0-1
Categoria: Articoli vari | Aggiunto da: BrunoAprile (2011-02-01) | Autore: Bruno Aprile E W
Visualizzazioni: 980 | Voti: 0.0/0
Solo utenti registrati possono aggiungere commenti
[ Registration | Login ]
Categorie
Articoli vari [48]
YouTube
Brevi info
Registrati
Cerca nel sito